Sono una nomade.

Lo sono in senso fisico, perché vivo in più luoghi.

Lo sono in senso metaforico, perché i miei pensieri vanno da un luogo all’altro e saltano di palo in frasca. Non sono ciò che c’é scritto sul biglietto da visita, e ho piu biglietti da visita.

In questo blog non ha alcuna importanza sapere chi sono nel senso tradizionale (nome, cognome, professione), anche se tra un link e l’altro sparsi qui dentro mi ci si può trovare in altre vesti.

Non é il mio nome la cosa importante e forse nemmeno ciò che qui scrivo.

Sono solo frammenti. A volte familiari, a volte nati da cose viste, sentite, vissute, incrociate.

Potrei tenermeli per me. Farci un diario.

Ma sono nomade. E anche i miei frammenti lo vogliono essere, nomadi, gettati nella mischia, alla ricerca di nuovi incontri.

Annunci